Inno alla Madre dell’Aria

Che la Madre dell’Aria e i suoi venti gelidi
spazzino via il superfluo, l’inutile e il dannoso dalla mia vita
mettendo a nudo ciò che è davvero importante.
Che la Madre dell’Aria e i suoi venti gelidi
mi ricoprino di soffice e spessa neve per mantenermi nel silenzio e nel
riposo in attesa della primavera.

In questa notte, la più buia e fredda della Ruota
chiedo di imparare i doni dell’oscurità, del silenzio, dell’attesa
chiedo di imparare a concentrarmi su di me, sul mio nucleo più profondo
chiedo di imparare a prendermi cura della mia tana, quel luogo in me
dove vivo la pace

Madre che abiti le cime più alte e fredde
Signora dalla dimora di ghiaccio, castello di solitudine e introspezione
Regina dalla mente acuta, dallo sguardo penetrante e dal tocco forte
Insegnami il mistero dei tuoi doni e donami le tue ali

Mazoe, la Morgen Crona

invokation-to-the-crone-at-samhain

Io sono la Morgen Mazoe

Io sono la Dea Nera, la Signora Oscura, la Crona

Io sono la Signora delle Nebbie

Io sono la Guardiana delle Porte dell’Altromondo.

Il mio falco veglia dall’lato

La mia scrofa, il mio rospo e la mia rana viaggiano al mio fianco.

Voi mi conoscerete e sentirete il mio abbraccio

Vi insegnerò la paura e l’oblio, la tristezza e la compassione

Perchè io sono Colei che Trasforma.

Io tengo la falce che taglia il filo della vita

Io sono l’oscuro baratro in cui cadrete

Io sono l’oscura megera che dimora nelle vostre ombre

Io sono la banshee urlante nel vostro peggior incubo

Io sono Mazoe

(poesia di Erin McCauliff)