Pratiche di gratitudine

Rito proposto da Kethy Jones nel suo libro “Sacerdotessa di Avalon, Sacerdotessa della Dea” per celebrare Lughnasadh.

succo-di-mela-1Preparate una larga ciotola con un delizioso succo di mela o una mistura di succhi freschi. Procuratevi delle coppe più piccole pronte per essere immerse nella coppa grande e dei tovaglioli per ripulire i bordi delle ciotole. Sedete in cerchio con la vostra famiglia, i vostri amici e tutti gli ospiti.
Come Sacerdotesse, cominciate immergendo una delle ciotole più piccole in quella grande e riempiendola di succo, tenendo la coppa nelle mani invocate la presenza di Dea, chiedendole di venire ed essere con voi nel rituale.
Offrite una preghiera di gratitudine per i frutteti dei succhi che state per bere. Prendete la ciotola e versate un po’ del succo in un calice sull’altare offrendolo a Dea.
Portate la coppa all’aperto e versate il succo rimanente sulla terra come libagione a Dea. Potete chiedere ad un’altra Sacerdotessa o alla persona più giovane di fare queste due cose per il gruppo.
Quando ritornate immergete di nuovo la ciotola piccola, tenetela tra le mani ed esprimete a voce alta la vostra personale preghiera di gratitudine a Dea e per le persone presenti nella stanza e nella vostra vita. Ringraziate per le sfide e per qualsiasi cosa sia importante per voi. Infine bevete tutto il succo dalla coppa piccola.
melaChiedete alla donna più vecchia nel cerchio di venire avanti, immergete la coppa piccola in quella più grande e riempitela per metà con il succo. Chiedete alla donna di offrire la sua preghiera di gratitudine per tutti a voce alta. Quando avrà finito prendete la coppa di succo, pulitela e asciugatela.
Invitate le persone a farsi avanti, a prendere una coppa di succo, offrire le loro preghiere e bere.
In seguito chiedete se qualcun altro desideri pregare ancora. Continuate a bere finché tutto il succo non sarà terminato.
Fate una preghiera finale a Dea e ringraziatela per la sua presenza.

Quarzo citrino – un raggio di sole tascabile

Amo le coincidenze e parlar di una pietra così fortemente legata al sole durante la fioritura della calendla (pianta anch’essa “solare”) mi piace davvero molto. Per inciso, dopo aver prodotto dei sacchetti con lavanda essiccata ora sto proprio raccogliendo i fiori delle calendule dal mio mini giardino…e chissà che prima o poi non mi metta a incrementare anche la parte di erbario di questo blog, ma intanto torniamo a foalizzarci sulla nostra bella gemma.

photo_2017-07-23_17-30-54

Come appena accennato, il quarzo citrino ha una forte connessione con le energie solari, ci dona sicurezza in noi stessi, forze e coraggio, desiderio di fare, rende attivi ed energici; ci spinge al cambiamento e al gioiso dinamismo di un pomerrigio luminoso. Il suo colore giallo oro lo collega anche all’oro come simbolo per eccellenza di abbondanza e ricchezza, così come ad un campo di grano pronto per la mietitura, mentre scrivo mi accorgo dell’ennesimo collegamento con il mondo che mi circonda essendo ormai vicini a Lughnasadh/Lammas e si sentono nell’aria i prepararivi a questa celebrazione di abbondanza e condivisione (per la Ruota di Avalon questa festa è dedicata all’archetipo della Madre, ma non mi dilugo troppo su questo post).

Questo quarzo rappresenta tutto ciò che intendiamo con l’aggettivo solare, pensate alle caratteristiche di una persona solare, ed ecco tutti i doni che la pietra porta con sè, di cobnseguenza è ottimo anche per quanto riguarda allontanare le energie negative, o meglio, più che allontanarle o assorbirle, il citrino le trasmuta in qualcosa di diverso, come il sole dissipa le ombre, ancora parliamo di cambiamento e, conseguentemente, di nuovi inzi e di entusiasmo difronte ad un progetto che si sta intraprendendo, che sta per venire alla luce. Per concludere, ecco di seguito la traduzione del bigliettino in allegato alla pietra trovato nel Witch Casket: Ti insegna a far manifestare ed attrarre salute, prosperità e tutto ciò ci sia di buono. La pietra del successo e dell’abbondanza.

Lughnasadh in congrega

Rito ispirato a Wicca di Scott Cunningham.

DSC00658Abbiamo decorato l’altare con delle pannocchie di mais, sia fresche che quelle raccolte l’anno scorso e la bambolina fatta sempre col mais a Imbolc, un bel cero giallo che ci accompagna di anno in anno per questo Sabba, quarzo citrino e delle spighe di grano, per il banchetto di ringraziamento abbiamo preparato dei panini ai semi di papavero da riempire con tante buone leccornie, in questo caso speck, panna acida e cipolle caramellate (grazie Erogen!!!).

L’incenso è stato preparato con la seguente mistura (ma non ricordo la fonte):

  • 1 parte di basilicoDSC00657
  • 1/2 parte di cannella
  • 1 parte di coriandolo
  • 2 parti di verga d’oro
  • 1 parte di erica
  • 1/2 parte di rosmarino
  • 2 parti di artemisia
  • 1 parte di achillea

Dopo purificazione, centratura e apertura del Cerchio, abbiamo proceduto col rituale intonando le invocazioni in coro, ma devo ammettere che sarebbe stato meglio seguir le indicazioni di Prudi e leggere ognuno una parte per concentrarci meglio su quello che si onorava.

E’ giunto il tempo del Primo Raccolto quando i doni della Natura si offrono a noi per la nostra sopravvivenza. Oh Dio dei campi maturi, signore del Grano, concedimi di comprendere il sacrificio mentre ti prepari a donarti sotto la falce della Dea e a viaggiare verso le terre dell’eterna estate. Oh Dea della Luna Oscura, svelami i segreti della rinascita mentre il Sole perde la sua forza e le notti si fanno fredde.

Abbiamo iniziato a mangiare il pane e le pannocchie.

Io partecipo al Primo Raccolto, unendo le sue energie alle mie, per continuare la mia ricerca della luminosa saggezza della perfezione. Oh Signora della Luna, oh Signore del Sole, oh Dei misericordiosi, di fronte ai quali le stelle fermano il loro cammino, vi ringrazio per la continua fertilità della Terra! Possa il grano ondeggiante perdere i suoi semi, affinchè siano sepolti nel seno della Madre assicurando la rinascita nel calore della Primavera.

Tutto si è poi concluso con il banchetto e lo scioglimento del Cerchio.

Ruota dell’anno

wheel-real

Ostara _ il Dio è legato alla sua forma animale, è il Cacciatore che rincorre la preda, la Dea sotto forma di Vergine, la raggiunge e la feconda, ma non rimane al suo fianco: ha troppo da esplorare e scoprire in questo nuovo mondo in continuo mutamento per potersi fermare.

Beltane _ la Dea è incinta, si trasforma in Madre e il Dio riconosce il compito che ha, di doverle star accanto in futuro, per ora accetta di sposarla, ma ricopre ancora il ruolo di Signore dei Boschi e continua il suo vagabondare.

Litha _ il Dio accetta il suo ruolo di compagno e lascia i boschi per divenire Re Sole e incarnazione delle energie del fuoco; così facendo lascia la sua mezzanatura animale per essere completamente umano.

Lughnasadh _ Sacrificio del Dio per mano della Dea, il sole è disceso sulla terra tramite lo spargimento del suo sangue che la fertilizza, celebra il raccolto e la morte del Dio che lo libera e lo rende pronto per conquistare il Regno degli Inferi. Accettando il sacrificio, il Re progredisce nel suo divenire Dio, se questo sacrificio non viene compiuto il Re diviene un tiranno corrotto che non ha più in cuore le responsabilità per la terra e il suo popolo, ma solo per sè stesso.

Mabon _ il Dio ritorna sulla terra, ma solo temporaneamente perchè il suo regno è quello degli Inferi; rapisce la Dea che discende con lui per condividere il suo trono. Il Dio ha bisogno dell’elemento femminile per essere completo e viceversa.

Samhain _ gli Dei regnano negli Inferi, la terra diventa sterile, ma nel suo grembo il seme del Dio continua a crescere, la gestazione è quasi finita. Nella morte gli Dei sono uguali tra loro, il Dio ha trasceso la sua natura animale, prima, e umana, poi, per essere puro spirito e la Dea ha appreso ogni Mistero ed è serena in attesa della nuova vita e di tornare nuovamente fertile, è contemporaneamente Madre e Anziana.

Yule _ nascita del Dio Bambino, la nuova generazione. Celebrazione del Figlio della promessa.

Imbolc _ ritorno della Dea dagli Inferi per rinnovare la terra, ella si separa dal figlio che rimane col padre negli Inferi per apprendere da lui fino ad Ostara.