Pagan Challenge 18: What does deity/god/divine mean to you?

Ecco una domanda che trovo molto stimolante e mi piace che sia stata messa giusto prima di quella inerente il lavoro di gruppo, mi ricorda quando, dopo anni in cui si celebrava insieme come gruppo in cui eravamo arrivati anche a definirci congrega, bhe, solo dopo molto abbiamo affrontato quest’argomento per scoprire che vi erano visioni molto diverse tra loro su cosa fosse il divino… diciamo che per me è stato il rivelarsi di quella nota stonata che avvertivo e non riuscivo a identificare… comunque non voglio divagare, meglio dar inizio a questo post.

11beeb35d7a37e6c4e3ec31e723f6ad3bf146fc60a599d5338df00957735dcc1

Per me il divino è contemporaneamente immanente e trascendente, è qualcosa di talmente immenso che è difficile riuscire a descriverlo a parole e con sentimenti umani, ma al contempo si manifesta in ogni cosa esistente, vi è del divino in tutto, dalle piante agli animali, alle rocce, in noi stessi. Non vi è divisione tra “sacro” e “profano”, perchè tutto è manifestazione di quest’energia che tutto contiene. Per me quest’energia ha il nome di Dea, la sua rappresentazione femminile di madre non è prettamente fisica intesa come divinità della terra e della fertilità, ma molto più simbolicamente nel suo ventre vi è la capacità di trasformazione per antonomasia, rappresenta la magia di mutazione, rinnovamento perenne che è indispensabile alla vita, ma anche all’evoluzione; le sue caratteristiche femminili son proprio manifestazione di questa spirale in movimento tra energie diverse e talvolta opposte tra loro, ma sempre in equilibrio, non vi è bianco o nero, vita o morte, luce o buio, non ha senso porre queste dicotomie con Dea perchè il lei vi è tutto e il suo opposto, basti pensare il natura: in molte spece animali la madre non solo partorisce e accudisce i figli, ma talvolta ne decreta la morte (ad esempio le coniglie talvolta possono uccidere la prole se manca cibo), ma ancor più hanno in sè la dolcezza per i propri cuccioli e la ferocia di allontanare predatori anche più grossi di sè stesse. Dea insegna il ciclo di nascita e morte senza la paura di ciò che non si conosce, ma come si affronta ciò che è giusto e che dev’esserci per l’equilibrio, la morte non è qualcosa che deve esser sconfitto (come recitano alcune religioni), non è qualcosa da demonizzare, ma da comprendere come necessaria e giusta perchè permette il ricambio di corredo genetico, di idee, di energie. Dalla morte vi è nuova vita, e la vita non può essere qualcosa di statico e immutabile, ma è dinamica e imprevedibile seppur ciclica, ogni ciclo si ripete simile ma mai uguale. Nel ciclo mestruale della donna, nell’alternanza delle stagioni e delle fasi lunari tutto parla di Dea e del suo mutarsi pur rimanendo uguale a sè stessa ed è per qusto che venero il divino in questo aspetto e no, non credo assolutamente che sia squilibrato a sfavore del maschile, perchè lo comprende, così come nel ventre della madre vi è il figlio e nel figlio vi è la manifestazione della madre e non è un caso se nelle mitologie più antiche la coppia divina era appunto costituita dalla Dea Madre e da suo Figlio che, in seguito, ne divenne il compagno (fin poi a detronizzarla del tutto sostituendo anche la sua figura con un padre benchè ovviamente questi fosse incapace di dar alla luce la vita, ma non voglio parlarne qui). kore___persephone_by_sorelliena-d79yk1rDevo specificare che non tutte le coppie divine erano madre e figliO, per esempio in Demetra e Kore/Persefone si tratta di una figlia che, secondo ricostruzioni del mito stesso, è antecedente all’introduzione di Ade come dio degli inferi, da notare come le due manifestazioni di Kore/Persefone sono assimilabili con la rappresentazione di Hel, Dea degli inferi norrena: Dea è, ancora una volta, vita e morte, luce e buio, giovinezza e vecchiaia in un’unica entità, senza divisione o contrasto.

hel_hannahb demetra-si-kore-pictura-pe-sticla-demeter-and-persephone-painting

Parlando poi delle diverse divinità, per me si tratta di archetipi, di manifestazioni di quest’energia sotto molteplici aspetti, come se Dea fosse un’enorme diamante dalle molteplici sfaccettature e per arrivare a vederla nel suo insieme è necessario comprendere ogni singola faccia con le sue peculiarità, ma senza dimenticarsi mai che si fondono tutte in un’unica realtà che le contiene tutte.

Pagan Challenge 10: What do the moon phases mean to you?

Le fasi della luna per me rappresentano, in modo abbastanza intuitivo ed immediato, le “fasi” o meglio quattro grandi archetipi femminili: la Fanciulla, la Madre, la Signora e l’Anziana; le collego anche al ciclio mestruale dove il plenilunio rappresenta l’ovulazione e, di conseguenza, la fertilità piena ed il novilunio il sangue mestruale, la “piccola morte” che scandisce il periodo fertile delle donne.

4d6d5b8b51b73845fccebfe9be46d9df

Non penso sia possibile rispondere in modo veloce ad un argomento così vario, perchè se ci si addentra nel mondo dei simboli ci si sprofonda sempre di più, ma vorrei provare a dar una spiegazione sommaria di ogni collegamento che faccio istintivamente con le varie fasi.

La luna crescente mi parla di qualcosa in maturazione, di energie che si ampliano, ma che son lontane ancora dal loro risultato, di potenzialità, di divenire. Le energie si irradiano per tornare amplificate, è un concetto difficile per me da spiegare, ma una Dea che mi pare ben possa rappresentare questa fase è Artemide nel suo aspetto di vergine dei boschi, la cacciatrice, la fanciulla che usa le sue energie  per sè stessa, per conoscere i propri limiti, per mettersi alla prova, per sfruttare il suo potenziale e veder dove questo la condurrà. Se dovessi rappresentare con un colore userei il bianco, ha in sè la possibilità di divenire qualsiasi altro colore.

La luna piena è la Madre, la sua forma ricorda il ventre di una donna gravida ed ha in sè la massima energia di creazione, di illuminare e per portare nel mondo reale i pensieri e di desideri, è abbondanza di ogni cosa, è fertilità, non solo materiale nel senso di nuova vita, ma anche di idee, progetti, ispirazione. Tutto con lei viene alla luce e si manifesta nella sua forma più vera ed autentica, le energie si manifestano e, in qualche modo, si donano all’universo, così come la luna non trattiene la luce solare, ma la irradia a sua volta per illuminare un paesaggio altrimenti buio. Come divinità la collego a Demetra il cui nome stesso significa Dea Madre, ed il colore sarebbe il rosso legato al sangue che da la vita nel parto.

sxerfgvbNella sua fase calante, le energie tornano a concentrarsi sulla propria interiorità, inizia il lento declino che riporta l’attenzione verso sè stessi. Questa fase l’ho vista chiamata con molti nomi (Regina, Amante, Incantarice), per me è semplicemente la Signora, colei che è padrona di sè stessa, che è cresciuta, che conosce il suo potere e lo sa gestire e usare al meglio per i propri interessi, pur non alterando l’equilibrio. Conosce ogni conseguenza delle sue azioni ed è proprio grazie alle sue esperienze passate che ha potuto maturare questa coscienza di sè stessa e del mondo che la circonda; il colore sarà il giallo oro della sua corona o, nel caso di Atena, divinità per me collegata, del suo elmo.

Per concludere, il novilunio, racchiude le energie dell’Anziana, di colei che ha terminato il proprio ciclo di vita, che è in una fase di stasi in attesa della rinascita e di compiere un nuovo giro, sempre uguale e sempre diverso, nella spirale dell’evoluzione. Il colore è ovviamente il nero della notte senza luna, delle ombre che celano, del vuoto che tutto contiene, ma che non ha forma per manifestarsi, e la Dea a cui associo tutto ciò è Ecate (tra l’altro, proprio nello scorso novilunio mi è tornato il ciclo dopo il parto di Melissa, ed una voce dentro di me ha sussurrato che si trattasse del sangue di Ecate, frase per altro ancora parecchio enigmatica per me e su cui sto cercando di riflettere per darle un senso, e devo ammettere che qesto post mi ha permesso di delucidarmi parecchio le idee).

fasi-lunari-e-ciclo-mestruale